mi condividi? ma quanto mi condividi?

http://www.addthis.com/help/google-analytics-integrationtutti gli share

Correva l’anno 2007 e tra i primissimi siti di e-Commerce in Italia integrammo addthis per condividere contenuti di prodotto su tutti i socials.

Con bassissimi costi di implementazione ottenemmo i primo 40 giorni di attività oltre 6.000 condivisioni. Il valore commerciale utilizzando come paramento per approssimazione:

  • la proiezione di impression generate dal [numero di condivisioni] x [numero amici medio degli utenti FB]
  • il delta del traffico da referral FB prima e dopo l’inizativa
  • quindi [ [transazioni incrementali da referral] / [ [ [condivisioni] x [numero amici medio degli utenti FB] ] / [traffico incrementale ] ] ]

evidenziava un ritorno potenziale dell’iniziativa stimato in alcune migliaia di euro al mese (se ricordo bene € 2.400)  con 5-6 transazioni aggiuntive di scontrino medio elevato, contro quel paio di giornate di implementazione (in realtà è il copia-incolla di un javascript, ma  le grandi aziende di consulenza :P), facevano essere l’iniziativa un buon successo che valse l’invito come oratore a diversi speech.

Ogni tanto però nelle aziende devi spiegare iniziative di buon successo anche piuttosto semplici a dei tecno-lesi o includere un nuovo canale  tra i report seguiti dal più junior degli junior e qui son cavoli amari….

Tutto questo pippone infinito per introdurre la vera news:
Addthis da un po’ di giorni ha realizzato una unova e facile integrazione con Google Analytics che permette di seguire l’indotto organicamente alle altre fonti e una serie di API che permettono integrazioni semplici e di basso livello con altri signori Analytics da WebTrends ad Omniture.

5 Comments

  1. 24 Febbraio 2011
    Reply

    CUEAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    • 24 Febbraio 2011
      Reply

      Hummm è bello avere un seguito :P

  2. […] altro esempio di Social-Commerce precoce è di sicuro lo sharing di contenuti (con i vari Add-this, Share-This o Sharoolic) che ha viaggiato dai blog ai principali siti di contenutie quindi su qualche […]

  3. […] FaceBook Deal, le local application, i tweet collegati ai contratti per la gestione degli sms, gli share e i […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *