Ricerca sulla Shopper-experience: l’attenzione dura al massimo 22 secondi

Posted in Marketing, ROI by Tagged percorso d'acquisto, performance

Quando lavoravo al Competence Centre J&J Ellen mi aveva affibiato un soprannome golden fish ovvero pesce rosso” perchè pare che il pesce rosso abbia una memoria particolarmente labile, dura circa 8 secondi. Dopodichè: “blub blub blulb, ma che bella questa boccia di cristallo ! E’ nuova, non l’avevo mai vista!” questo probabilemente gli impedisce di impazzire rinchiuso in uno spazio angusto per la quasi totalità della vita.

Il concetto mi piacque e lo utilizzai per creare l’immagine di testata (che mi accompagna ormai da 7-8 anni, è diventata un po’ un porta fortuna e la sfoggio nelle grandi occasioni per scaramanzia): la suggestione che volevo trasmettere è l’immediatezza necessaria per attrarre il cliente. L’impatto emotivo di cui, il nuovo mondo che stiamo proponendo, deve essere permeato.

Il succo di questo post lo copio dagli amici di Popai, celeberrima associazione internazionale senza fini di lucro che promuove tra i Retail un confronto sugli elementi strategici del marketing mix , che ho scoperto essere lettori affezionati del blog ( colgo l’occasione per salutare Silvia, Sonia, Emanuele e naturalmente Massimo).

Cito testualmente:”RICERCA: l’attenzione dura al massimo 22 secondi
Secondo un recente studio internazionale, condotto sui comportamenti d’acquisto all’interno dei supermercati, i consumatori dedicano molto più tempo alla scelta di prodotti come il vino, cibi per gatti e prodotti di bellezza.
Lo studio dimostra che i consumatori spendono almeno tre minuti nella scelta di prodotti come lo shampoo, il pinot nero e i biscotti per gatti, contrariariamente alle altre scelte d’acquisto che vengono compiute molto più velocemente.
I consumatori spendono in media circa 22 secondi nella scelta di prodotti nelle corsie situate vicino all’ingresso, una grande differenza se paragonati ai 5 secondi scarsi dedicati alle scelte nelle successive corsie.
Va sottolineato inoltre che risulta molto difficile per un brand emergere in un assortimento composto da più di 15.000 referenze, specialmente poichè un consumatore riesce a gestire solamente sei referenze per volta nel compiere le sue decisioni d’acquisto.
A riprova di questa breve attenzione, vi è anche lo studio argomentato nel testo di Malcom Gladwell “Blink: The power of thinking without thinking”.
Per andare oltre e rendere profittevole la presenza del consumatore nel punto di vendita è però possibile sfruttare i corretti item che rendono la shopping experience accattivante.
Se non li conoscete, vi invitiamo a guardare il link!

Ora, il cliente medio ha una soglia d’attenzione circa 3 volte superiore alla memoria del pesce-rosso-gasp (e se è un cliente alcoolista 30 volte superiore – chi l’avrebbe mai detto?), in ogni caso, riuscire a portarlo all’interno di un nuovo fantastico mondo in vitro (con tanto di castello e una bella insegna sopra) da cui non vorrà uscire mai più, non è facile.

On-line i tempi si riducono a seconda del tipo di navigazione e scemano tra gli 8 e i 12 secondi ideali, come mi insegna l’amico David di Moviri.

L’immediatezza della vetrina di un negozio come il tempo di accesso ad un sito con una bella landing-page sono il primo importantissimo passo di quel percorso che culmina con l’acquisto.

Posso dare un consiglio? Ragazzi se vi approciate a materie come queste fatelo con gli occhi di un pesce rosso.

Compite una frattura epistemologica, lasciate da parte i vostri bias (a scelta nell’accezione statistica o a quella psicologica):  “blub blub blulb, chiudete gli occhi, riapriteli che cosa vedete? vi piace ancora, vi attira abbastanza? blub blub blulb“.

Sei interessato ad altri post simili ? Segui gli aggiornamenti del blog su FB facendomi un piccolo like, a me farebbbe molto piacere :)

Altrimenti se vuoi condividere la notizia con i tuoi amici:

About

This author hasn't yet written their biography.
Still we are proud contributed 245 great entries.

One thought on “Ricerca sulla Shopper-experience: l’attenzione dura al massimo 22 secondi
  1. davide says:

    il punto è: quel che vede il pesce gasp (o anche il pesce davide) in 7 secondi è lo stesso che vedono tanti diversissimi fra loro pesci clienti? il gusto di uno può valere per tutti? per questo servono il delfino psicologo,l’aragosta statistica e anche gli squali markettari:a cercare di studiare,e capire i gusti (e,nel caso del polpo della UX,i comportamenti) della maggioranza

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *