Bad Avenue: il primo blog (cattivo e) collettivo di controinformazione pubblicitaria.

Posted in Innovazione, Marketing by

Il mio caro amico, chiamiamolo, un po’ come Gaber, Signor G., sta facendo un assestment delle figure di alto livello delle più note agenzie: mi chiedeva di dargli un’opinione su chi fossero i player migliori e quali di quelli più famosi fossero delle capre, CAPRE! (da leggersi alla Sgarbi). Allora son partito di buona lena a stilare il listone di San Pietro.

Spesso accade che l’oggetto dei post siano in realtà interazioni con amici, ex-colleghi e conoscenti che mi chiedono come fare un pezzo di pianificazione, cosa sia quella cosa o perchè non si vende. Prendo la “conversazione”, Sbemm, e ci faccio un post.

Ero tentato di prendere il listone delle top (MRM, Gaia, Agency, Isobar, Triboo, Proximity, Profero, Kora, FullSix, LBI, Bitmama, Saatchi, Oglivy, Grey e altri 5 o 6 ) con i commenti a volte lusinghieri, a volte meno, ma sempre sinceri e poi ho cambiato idea.

Quelli che mi seguono da un po’ si ricordano che ho scritto un altro paio di blog un po’ più schietti negli anni passati che sono stato cortesemente invitato a far chiudere per non sostenere onerose cause penali, magari infondate ma sicuramente onerose.
In particolare in uno di essi raccontavo in uno di essi alcune dinamiche peculiari legate a diritti, ristorni, commissioni, incompetenze e cointeressenze che furono piuttosto sporadicamente apprezzate da chi vi si riconosceva.

Mentre mi ponevo l’amletico dubbio “publlicare o non pubblicare” mi son detto “chissà che ne pensa la gente ?” allora ho copiato il listone in Google e ho detto “chissà che ne vien fuori?”

Ho scoperto Bad Avenue molto simile a quel che produssi allora ma molto più anonimo. Buona scelta, visto il passato e divertenti diversi post. Il blog è divertente tratta di tante delle realtà succitate. E’ scritto da, come recita il loro motto, un “”collettivo” (che mi fa un po’ comunista come termine ma è in definitiva corretto) di addetti ai lavori che commentano e raccontano a gamba tesa i vari retroscena ed accadimenti. Molte spassose menzioni ai soliti noti.

Mi sembrava dilettantesco a quel punto fare un post con il mio umile punto di vista e ho preferito pubblicizzare quelli che han preso la cattiva strada.

Dategli un’occhiata e buona cattiveria a tutti ;)

Sei interessato ad altri post simili su digital-pettegolezzi e affini?
Segui gli aggiornamenti del blog su FB facendo like, a me farebbbe molto piacere :)

About

This author hasn't yet written their biography.
Still we are proud contributed 245 great entries.

0 thoughts on “Bad Avenue: il primo blog (cattivo e) collettivo di controinformazione pubblicitaria.

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *