La più innovativa campagna mai vista: Vodafone con Paolo e Luca presentano la Panetteria multicanale.


Questa è bellissima, se ne parla in anteprima assolutta e ve la fa pure far sotto dalle risate. La nuova idea di Vodafone è una delle più innovative e divertenti camnpagne che abbia visto ultimamente.

Paolo e Luca continuano con la web-commedy virale  sponsorizzata da Vodafone in cui, nell’ormai celebre Panetteria Maiello, bisitcciano e provano a piazzare tariffe telefoniche tra un inconveniente e l’altro.

Come migliorare qualcosa di già di per se molto innovativo e divertente? Taaac ecco l’ideona dei soliti noti, le vecchie conoscenze di Connexia ti schiaffano uno user generate content vocale nel bel mezzo dello sketch.

I due litigano, al che Paolo seccato se ne va al bar a strafarsi di Genpy mentre lo stolido Luca è alle prese con un infernale cliente spaccaca#####. Luca è in ambasce e per riuscire a ferucperare con Paolo ti chiede di dargli il numero di telefono. Pochi secondi dopo arriva una chiamata è Luca che ti chiede di regtistrare un messaggio speciale. E a quel punto un bivio seguire le istruzioni oppure iniziare a sparare un sacco di porconi in veneto e scoprire cosa succederà ;)

In sostanza è la prima volta che al mondo viene usata una tecnologia di riconoscimento vocale per pilotare finali alternativi di un video virale. La prima presentazione sulla multicanalità l’ho fatta per una società, la mitica Vega, che integrava internet e l’email a call center e ivr. Sembra un’irrealistica utopia che non potese portare reali benefici  economici. Ma ci credevamo. Non ci saremmo mai sognati di vedere un’integrazione simile.

Roba mai vista! Correte subito in panetteria  www.panetteriamaiello.it :)

Se sei interessato ad altri post simili sulle più belle campagne di Digital Marketing?
Segui gli aggiornamenti del blog su FB facendomi un piccolo like, a me farebbbe molto piacere :)

One Comment

  1. Il solito ignoto
    30 Maggio 2011
    Reply

    regtistrare camnpagne ferucperare ..quanti errori !! ;-)

Rispondi a Il solito ignoto Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *