Clients from HELL ! … clienti cattivi come me : |

Posted in Innovazione by

Sei finito in un agenzia? Hahahaha vuol dire che sei stato molto cattivo nella tua vita precedente: benvenuto all’inferno, sono il tuo cliente.

Di recente mi è stato detto che, in qualità di cliente, sono il tipo “che balza in sella partendo stile cavaliere lancia in resta sollevando un gran polverone etc etc …” e in definitiva rompe i maroni mica poco. Ora quel che forse dovrei essergrato non sia stato esplicitato è se quel che succede dopo è più prossimo al risultato di Don Chisciotte, Attila, Custer o il Barbarossa.

E anche se ho fatto – relata refero – passare un sacco di notti in bianco a un sacco di fornitori, essendo stato a lungo dall’altra parte della barricata e, ogni tanto, rimpiangendo un po’ quel tipo di dinamiche devo dire che spesso provo empatia per l’interlocutore.

In particolare mi immedesimo molto quando leggo uno dei miei siti preferiti: http://clientsfromhell.net/, il blog antologia che raccoglie le perle dei clienti che vengono direttamente dall’inferno con tutte le ca#####te peggiori.

Rischio, se non ci sono già finito, di finirci moooolto presto.

Proprio ieri, dopo aver collezionato dei brief da riportare all’agenzia, mi son uscite un paio di frasi tipo: “voglio più immagini più grandi ma devono occupare meno spazio…” – praticamente un tesseratto.

Non è che predichi bene o razzoli male, è che 6 ore di ippopotami (H.I.P.P.O. Highest Paid Person Opinion) origina perforza un po’ di entropia e il modo migliore di chiarisi le idee è svalangare sul succitato precarioooo (godetevi il video)

Ti sei rotto di quei blog seriosi che sembrano scritti come la brochure della Mambretti Snc? Alterna spunti interessanti e cazzeggio puro seguendo gli aggiornamenti del blog su FB facendo un semplice like, a me farebbbe molto piacere :)

About

This author hasn't yet written their biography.
Still we are proud contributed 245 great entries.

3 thoughts on “Clients from HELL ! … clienti cattivi come me : |
  1. Francesca says:

    L’inferno (ti prego correggi il refuso :P) ha molti gironi. Se tu vedi solo il tuo, ti mettiamo nel girone dei clienti egocentrici. Comportamento consigliato per l’agenzia: il ruffiano. “Ma certo, tu sei l’unico cliente per cui lavoro…”. C’è poi il girone dei presuntuosi. Comportamento: lo scribacchino: “sono pagato per trascrivere le geniali idee del mio cliente”. Che dire del girone dei frustrati? Comportamento: il ribelle. “No, non ti consegno un deliverable di 100 slide in 5 minuti, non esiste!” (a loro piace quando tu ti ribelli così hanno una scusa per sfogarsi). Dio mi scampi dal girone dei logorroici. Comportamento: l’assertivo (che ha varianti telefoniche, de visu o via mail…).

    Insomma, potrei continuare con una descrizione dettagliata di gironi, cerchie e bolge… Purtroppo devo correre dai miei “clienti”! Così ti faccio solo una domanda: con tutte queste personalità di cui ci dobbiamo dotare per affrontarVi vuoi concederci che ce ne sia stata almeno una cattiva nella vita precedente?

    :PPPP

    • Gasp says:

      Hahahaha commento da bravo egocentrico: ogni tanto riesco a sorperendermi da solo questo refuso era fantastico, “inferMo” invece che “inferNo” è fantastico! Girone azzeccato cara Francesca!
      Non dimenticarti però quando quando le diverse anime del cliente si ritrovano in consesso: tutto si eleva a potenza!

  2. ..style FT + cazzeggio è formula interessante da perpetuare..

    Tra cliente ed agenzia si deve arrivare ad una intersezione comune, una sorta di pub da tramvieresse/i dopo il servizio..birra, parolacce, bestemmie; baby dolls ove possibile..! ( ahahaha..)

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *