Trashissimo 4: iScuola iDi iPartito.

Posted in Innovazione by Tagged politica, trashissimo

C’era una volta la scuola di partito, quando i giovani d’Alema e Prodi del caso andavano a Mosca o in Bulgaria a imparare come combattere il nemico capitalista (che era poi lo Stato Italiano). Tempi che furono, si sdogana oggi. Evviva la democrazia moderata, il liberismo, Kennedy e Uolter.

Ci può stare tanto quanto un La Russa contro Fini che per insultarsi mediaticamente si danno degli squadristi…

Ma un’altro sengo dei tempi che cambiano è l’avvento dell’m-learning, e, dopo il corso d’ingelse di De Agostini per Ipad – listen and repeat: “the cat is on the tablet” –, arriva la scuola di partito mobile.

La storia del Partito comunista italiano narrata attraverso immagini d’epoca, interviste, discorsi, manifesti. Dalla segreteria di Berlinguer a quella di Occhetto, attraverso il breve interregno di Natta, il viaggio nella storia del Partito Comunista Italiano giunge al suo epilogo. Sono anni difficili, i settanta e gli ottanta, segnati da grandi conquiste in campo sociale e civile, valga per tutti la legalizzazione di divorzio e aborto, e da eventi molto drammatici: sono gli anni in cui il terrorismo colpisce più duramente il paese, con il sequestro e l’uccisione dell’onorevole Moro, e gli attentati della destra, come quello alla stazione di Bologna. Poi gli anni ottanta, con il movimento operaio sulla difensiva, la morte di Berlinguer, il trionfo della destra di Reagan e Thatcher e del craxismo in Italia. Nel mondo intanto entra esplode il blocco sovietico: con la caduta del muro di Berlino si chiude anche simbolicamente un’era. La svolta di Occhetto lo sancirà anche in Italia.

A parte cercare di immaginarmi chi abbia sviluppato l’applicazione e cercare di capire se quei €2,99 siano da considerarsi un finaziamento alla prossima campagna elettorale di Cossutta o magari è lo stesso che dopo aver fatto iMussolini per iPhone cerca di riprovarci con l’altro estremo, fin qui nulla di trash …

Per intenderci, “comunista” non mi accuserà mai nessuno (tranne Umberto che per essere un compagno è un tantino più a destra di me :) di esserlo stato ma a me il Bertinotti piaceva soprattutto per una forte coerenza con se stesso.

Il trashissimo viene quando mi immagino chi lo possa usare. Mi figuro due radical-chic cachemiratissimi, tipo un Moretti e un Della Valle, che, seduti su divani bianchi in ampi salotti gremiti di libri, sorseggianto chianti (ma di quello buono) in bicchieri (non a forma di calice che fa cooosì borghese) duralex (che c’hanno quello shape un filo proletario), iniziano a scommetere se Berlinguer fosse andato a scuola con Togliatti e fosse parente di Cossiga o viceversa, quando – TAAAAC! – tirano fuori il proprio iPad e iniziano a giocare la loro partita di Trivial-pur-soviet.

Trashissimi. Cachemiratissimi. Con R-moscia e iPad.

calzino bianco va
commuove l’onestà
trovato tecnologico votato martire
cambia la permanente in dreadlocks
che ti cambia il cuore
giocati l’anfibietto in tinta
ti fa far l’amore

ridai i soldi al tuo papà
ridai i soldi al tuo papà
sui giovani d’oggi ci scatarro su
sui giovani d’oggi ci scatarro
sui giovani d’oggi ci scatarro su
sui giovani d’oggi ci scatarro

come pararsi il culo
e la coscienza è un vero sballo
sabato in barca a vela
lunedì al leonkavallo

l’alternativo è il tuo papà
l’alternativo è il tuo papà
sui giovani d’oggi ci scatarro su
sui giovani d’oggi ci scatarro
sui giovani d’oggi ci scatarro su
sui giovani d’oggi ci scatarro

come pararsi il culo
e la coscienza è un vero sballo
sabato in barca a vela
lunedì al leonkavallo

l’alternativo è il tuo papà
l’alternativo è il tuo papà
sui giovani d’oggi ci scatarro su
sui giovani d’oggi ci scatarro
sui giovani d’oggi ci scatarro su
sui giovani d’oggi ci scatarrooooooooooooooooooooooo

Non sai resistere al trash?
Segui gli aggiornamenti del blog su FB facendo un semplice like, a me farebbbe molto piacere :)

About

This author hasn't yet written their biography.
Still we are proud contributed 245 great entries.

0 thoughts on “Trashissimo 4: iScuola iDi iPartito.

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *